Alessandro Giardini

Programmatore

Conosco diversi linguaggi di programmazione ma principalmente mi occupo della realizzazione di single-page application per il mondo enterprise

Appassionato di informatica e nuove tecnologie, lavoro come programmatore in una software house.

Il mondo dell’informatica mi affascina da sempre, sin da piccolino quando vedevo le persone sedersi davanti al monitor di un computer per svolgere il proprio lavoro. La passione esplose definitivamente quando, intorno ai 10 anni, i miei genitori acquistarono un computer da tenere in casa e poco dopo lo dotarono anche di una “velocissima” connessione internet 56K.

Utilizzato inizialmente come strumento di studio, nel corso del tempo il computer si è trasformato dapprima in uno strumento di svago e poi in un vero e proprio strumento di lavoro.

A 17 anni, complice l’esigenza di realizzare un sito per un’associazione di cui facevo parte, ho iniziato a muovere i primissimi passi nel mondo del web realizzando un sito promozionale con l’aiuto di Microsoft FrontPage. Nonostante fossi completamente a digiuno di qualsiasi cosa ci fosse dietro una pagina web, con un po’ di impegno sono riuscito a tirare fuori qualcosa di accettabile. E così, da lì a poco, ho lasciato da parte l’aiuto di FrontPage e mi sono dedicato allo studio del linguaggio di markup HTML e poi dei fogli di stile CSS.

Il passo successivo è stato quello di approcciare il mondo della programmazione per cercare di aggiungere un po’ di dinamicità a delle pagine web che erano completamente statiche, per fare ciò ho iniziato a studiare il linguaggio di programmazione PHP.

Il primo concreto approccio alla programmazione l’ho avuto durante le lezioni di programmazione JAVA all’università. Arrivato a quel punto non si poteva più tornare indietro…

Andando avanti negli anni ho proseguito il mio percorso personale di studio e sono riuscito a conseguire un paio di qualifiche professionali inerenti il mondo del web (Web Marketing) e della programmazione (Programmazione Java Enterprise & Mobile) che mi hanno permesso di entrare a far parte della software house per cui lavoro.

Oggi mi occupo di tante cose: dallo sviluppo di single-page application per il settore enterprise allo sviluppo di applicativi middleware, dalla realizzazione di siti web allo sviluppo di applicazioni mobile.